A. CREARE CULTURE INCLUSIVE
A.1 COSTRUIRE COMUNITA'
A.1.1 Io mi sento accolto a scuola.
A.1.2 Tutti i colleghi si sentono benvenuti a scuola.
A.1.3 Gli alunni si aiutano tra di loro.
A.1.4 Gli insegnanti collaborano tra di loro.
A.1.5 Gli alunni e gli insegnanti si trattano con rispetto.
A.1.6 Gli insegnanti e le famiglie collaborano
A.1.7 Gli insegnanti e il Consiglio di Istituto collaborano positivamente.
A.1.8 Le comunità locali sono coinvolte nell'attività della scuola.
A.2 AFFERMARE VALORI INCLUSIVI
A.2.1 Le attese sono elevate per tutti gli alunni.
A.2.2 Gruppo insegnante, Consiglio di Istituto, alunni e famiglie condividono una filosofia inclusiva.
A.2.3 Gli alunni sono valorizzati in modo uguale.
A.2.4 Insegnanti e alunni instaurano rapporti empatici.
A.2.5 Il gruppo insegnante cerca di rimuovere gli ostacoli all'apprendimento e alla partecipazione in ogni aspetto della vita scolastica.
A.2.6 La scuola si sforza di ridurre ogni forma di discriminazione.
B. PRODURRE POLITICHE INCLUSIVE
B.1 Sviluppare la scuola per tutti
B.1.1 La selezione del personale e le carriere sono trasparenti.
B.1.2 I nuovi insegnanti vengono aiutati ad ambientarsi nella scuola.
B.1.3 La scuola promuove l’accoglienza di tutti gli alunni della comunità locale.
B.1.4 La scuola rende le proprie strutture fisicamente accessibili a tutte le persone.
B.1.5 Tutti i nuovi alunni vengono aiutati ad ambientarsi nella scuola.
B.1.6 La scuola organizza i gruppi-classe in modo che tutti gli alunni vengano valorizzati.
B.2 Organizzare il sostegno alle diversità
B.2.1 Tutte le forme di sostegno sono coordinate.
B.2.2 Le attività di formazione aiutano gli insegnanti ad affrontare le diversità degli alunni.
B.2.3 Le politiche rivolte ai Bisogni Educativi Speciali sono inclusive.
B.2.4 Viene utilizzata la normativa sull'individualizzazione per ridurre gli ostacoli all'apprendimento e alla partecipazione di tutti gli alunni.
B.2.5 Il sostegno agli alunni stranieri che imparano l'italiano è coordinato con il sostegno all'apprendimento degli altri alunni.
B.2.6 Le politiche di sostegno personale e del comportamento sono collegate a quelle di sostegno allo sviluppo curricolare e all'apprendimento.
B.2.7 Le pratiche disciplinari che portano all'esclusione dalle attività vengono ridotte.
B.2.8 Il bullismo viene contrastato.
B.2.9 Gli ostacoli alla frequenza sono ridotti.
C. SVILUPPARE PRATICHE INCLUSIVE
C.1 COORDINARE L'APPRENDIMENTO
C.1.1 L'insegnamento è progettato tenendo presenti le capacità di apprendimento di tutti gli alunni.
C.1.2 Le lezioni stimolano la partecipazione di tutti gli alunni.
C.1.3 Le lezioni sviluppano una comprensione della differenza.
C.1.4 Gli alunni sono attivamente coinvolti nelle attività di apprendimento.
C.1.5 Gli alunni apprendono in modo cooperativo.
C.1.6 La valutazione contribuisce al raggiungimento degli obiettivi educativi per tutti gli alunni.
C.1.7 La disciplina in classe è improntata al mutuo rispetto.
C.1.8 Gli insegnanti collaborano nella progettazione, insegnamento e valutazione.
C.1.9 Gli insegnanti di sostegno promuovono l'apprendimento e la partecipazione di tutti gli alunni.
C.1.10 Le attività di studio a casa contribuiscono all'apprendimento di tutti.
C.1.11 Tutti gli alunni prendono parte alle attività esterne all'aula.
C.2 MOBILITARE RISORSE
C.2.1 Le differenze tra gli alunni vengono utilizzate come risorsa per l’insegnamento e l'apprendimento.
C.2.2 Le competenze degli insegnanti sono utilizzate al meglio.
C.2.3 Gli insegnanti sviluppano delle risorse per sostenere l’apprendimento e la partecipazione.
C.2.4 Le risorse della comunità sono conosciute e utilizzate.
C.2.5 Le risorse della scuola sono equamente distribuite così da sostenere l’inclusione.
Sarebbero da considerare le seguenti priorità per lo sviluppo inclusivo
This content is neither created nor endorsed by Google.